Recensioni "Colonna Sonora Originale"

copertina dellera

“Colonna Sonora Originale” di DELLERA ha riscontrato un sorprendente successo di critica e di pubblico superando ogni aspettativa, candidandosi così a diventare uno dei dischi più apprezzati in Italia. 

Ecco alcuni commenti raccolti dalla recensioni di “Colonna Sonora Originale” 

"A meno di stravolgimenti negli ultimi mesi, nella categoria opera prima del 2011 sappiamo già per chi votare."
Audio Reviews, Elena Raugei

“Roberto Dellera è un originale folletto, vintage e psichedelico, che si muove attraverso epoche e stili con brillante disinvoltura. Il suo disco è una piacevole sorpresa: originale e intelligente.”
La Repubblica, Gino Castaldo 

“Questo album rivela un inatteso talento del panorama italiano, ed è ad oggi probabilmente il migliore esempio di congiunzione del  rock melodico del Regno Unito con la melodia e il cantautorato del Bel Paese.”
Blow Up, Bizarre 

“Touché, amiamo Colonna Sonora Originale”
Il Mucchio, Elena Raugei 

“Prendete il folk inglese, le tensioni Sixties della California psichedelica, il pop cristallino dei Beatles e dei Kinks, le melodie immortali dell’Italia di Endrigo e Vanoni, e sintetizzateli in un disco dall’anima irrequieta e policroma.”
Rumore, Barbara Tomasino 

“Un disco evocativo, nostalgico, con sonorità prelevate dalle sue innumerevoli e diverse esperienze artistiche precedenti.”
Musica e Dischi, Katia Del Savio 

“Dellera esordisce in proprio con un disco , Colonna Sonora Originale, che non solo in qualche modo ripercorre le svariate tappe della sua carriera e delle sue passioni in campo rock ma che pure ce lo presenta nelle vesti di autore a tutto tondo e di gran talento”.
Buscadero 

“Tutto ciò, in poche parole, o meglio in una sola, è poesia.”
Rock Rebel Magazine, Margherita Simonetti 

In “La meraviglia” Dellera canta: “tu lo sai cosa manca tra noi: la meraviglia”. Qui, no.”
Shiverwebzine, David Drago

“Certo, un buon disco era sicuro che Dellera lo tirasse fuori, ma qui siamo davanti ad uno degli album dell'anno.” 
Musicarovinata, Francesco Caprai

‎"Le undici tracce che lo costituiscono creano dipendenza. Fa rumore questo album, solido riassunto di rock nostrano, piegato alle melodie vintage e agli sperimentalismi. È un concentrato di qualità."
Mescalina.it , Annalisa Pruiti Ciarello

“Il filo conduttore, assieme a una voce che scioglie parole a volte incredibilmente tristi, a volte dense come il veleno, è la musica: musica intesa come magia, racconto, confessione, magari anche ricordo.”
Letlovegrow, Eugenia Durante

"Definire splendido il disco d’esordio di Roberto Dell’Era è abbastanza riduttivo. Forse l’aggettivo più adeguato sarebbe un altro: perfetto."
Extra! Music Magazine, Alessandro Basile

 

SCARICA O VISUALIZZA GLI ARTICOLI COMPLETI


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Leggi l'informativa.